BlogDiario di bordo

Diario di bordo. Racconto di un campo estivo fotografico

Campo Estivo 2019. Copyright by Giacomo Ambrosino Photography

Quando lavori con i ragazzi diventa sempre tutto “leggero”. Non importa quale o quanto lavoro tu debba fare ma senza neanche rendersene conto, quell’ansia che si presenta all’inizio svanisce, magicamente. A luglio, mentre ero a lavoro, vengo contattato da uno dei parroci della mia comunità per mettere in piedi un laboratorio di fotografia all’interno del campo estivo. Molte volte me lo aveva chiesto ma ero sempre impegnato ma caso ha voluto che il giovedì avevo il corso di fotografia con i ragazzi alla Feltrinelli di Pomigliano D’Arco e mi son detto, perchè no? Basta uscire un’ora prima da lavoro e riuscire a fare entrambi.

Laboratorio di fotografia

Avevo solo 3 giovedì a disposizione e soltanto 3 ore complessive, in modo da permettere anche lo svolgersi delle altre attività. 3 ore. Cosa fare? Per motivi di tempo, ho preferito dedicarmi solo ai ragazzi dai 9 in su, in modo da poter creare un qualcosa più leggero e dinamico, da poter realizzare in così poco tempo e permettere ai più piccoli di concentrare le loro energie in giochi all’aperto. Magari l’anno prossimo riusciamo ad organizzare qualcosa anche con più ore dove possa coinvolgere tutti.

Dopo le prime due lezioni trascorse a raccontare il meraviglioso mondo della fotografia, spiegando loro anche l’attenzione e il sacrificio dell’attesa nel realizzare la foto perfetta e alcune tecniche per realizzare delle buone foto, anche utilizzando i cellulari, ho pensato di realizzare come ultima giornata uno shooting. Ed è stata una grande idea. I ragazzi e gli educatori sono stati meravigliosi, aiutandomi con la loro disponibilità e la loro gioia. Hanno portato diversi accessori, rendendo il set più dinamico e più vario.

Ma erano le loro anime, la loro bellezza e la loro gioia che hanno reso il tutto davvero divertente e magico. Penso sicuramente che l’anno prossimo possiamo realizzare un laboratorio con più ore e con uscite esterne in modo far vedere loro decisamente più cose.

Sono davvero felice quando mi chiedono di realizzare questi progetti che abbiano come protagonisti assoluti i ragazzi. Hanno quella voglia di imparare, quella curiosità, e quel piglio che ti porta poi ad imparare da loro. Perchè è questa la lezione più importante del fare formazione, imparare dai tuoi discenti, dai tuoi allievi. Grandi o piccoli che siano. Ringrazio nuovamente tutti e in particolar modo Don Salvatore per avermi coinvolto nel suo fantastico campo estivo.

Qui di seguito troverete giusto qualche foto del laboratorio. Sono davvero tante.

Alla prox.

G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *